Aiuti per le imprese marchigiane

Cluster e-Living e Marche Manufacturing

15 Febbraio 2017

Prima in Italia e tra le prime in Europa, la Regione Marche premia la ricerca di eccellenza finanziando progetti innovativi di portata internazionale negli ambiti della Strategia di specializzazione intelligente. I beneficiari della misura sono le imprese che hanno ottenuto il Seal of Excellence, il documento ufficiale rilasciato dall’Unione Europea ai progetti SME Instrument Phase 2 che hanno superato la soglia richiesta (12.00) ma che per mancanza di fondi non hanno ricevuto il finanziamento. 

 

In questo contesto, la Commissione ha avviato un’azione per promuovere una sinergia fra fondi strutturali e programmi comunitari a gestione diretta dell’Unione Europea, dando così una seconda chance di essere finanziati a livello regionale ai progetti che si sono mostrati in grado di concorrere con successo nella competizione europea. Spetta, infatti, alle Regioni decidere se ritenere validi i risultati delle valutazioni svolte nell’ambito Horizon 2020, selezionando quei progetti che si collocano nell’ambito delle traiettorie di sviluppo definite dalle rispettive strategie di specializzazione intelligente regionale.

 

In quest’ottica la regione Marche ha attivato una misura specifica nell’ambito del POR FESR 2014-2020, per le aziende possessori del Seal of Excellence, dando loro la possibilità di essere finanziati. Ciò al fine di integrare gli strumenti di finanziamento pubblico a sostegno della ricerca, attivando importanti sinergie per lo sviluppo di tecnologie innovative nelle imprese del territorio, anche grazie alla spinta propulsiva dei Cluster e-Living e Marche Manufacturing

 

L’intento di questo bando è pertanto quello di valorizzare le eccellenze produttive del sistema Marche che si sono contraddistinte per la qualità progettuale, tanto che hanno ottenuto il Seal of Excellence da parte della Commissione Europea, anche al fine di massimizzare le ricadute industriali e occupazionali che potrebbero derivare dalla realizzazione di questi progetti strategici. Gli investimenti devono essere localizzati nelle Marche. Tuttavia è possibile attrarre nuovi investimenti nel territorio regionale ammettendo operazioni svolte all’interno dell’Unione Europea da imprese straniere, a condizione che aprano la loro sede nella regione Marche.

 

Le domande di partecipazione potranno essere presentate dal dalle ore 09:00 del 2 maggio 2017 sulla Piattaforma informatizzata SIGEF. Per maggiori info guarda QUI

 

 

 
 
 
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 15-02-2017

 

Università Politecnica delle Marche P.zza Roma 22, 60121 Ancona - tel (+39) 071.220.1 - fax (+39) 071.220.2324 - e-mail info@univpm.it - P.I. 00382520427

Sito a cura del Centro Servizi Informatici