Corso di laurea triennale in Ingegneria Meccanica

 

Sede: Ancona - via Brecce Bianche - ingresso 3
Accesso: libero
Ordinamento: D.M. 270/04
Tipologia: Corso di Laurea (3 anni)



 
 

Il Corso di Studio in breve



 

La laurea in ingegneria meccanica prepara professionisti che si possono proficuamente inserire nel mondo del lavoro nel settore industriale; inoltre essa fornisce i metodi e gli strumenti di base necessari per accrescere e aggiornare nel tempo le proprie conoscenze, adeguandole alla costante evoluzione scientifica e tecnologica. In particolare, il corso di laurea è orientato sia verso gli aspetti della progettazione (di processo e di prodotto) sia verso gli aspetti produttivi, tecnologici ed organizzativi delle industrie manifatturiere meccaniche e dei sistemi di produzione, conversione o gestione dell'energia. I Laureati saranno in grado di svolgere tutte quelle mansioni a carattere tecnico ed organizzativo che sono richieste nella filiera produttiva meccanica, dagli uffici tecnici agli stabilimenti di produzione, dalla manutenzione e gestione degli impianti agli uffici acquisti ed ai settori tecnico commerciali. Il Corso di laurea è inoltre strutturato per conferire agli studenti una adeguata base culturale per la prosecuzione degli studi di ingegneria nei corsi Magistrali, principalmente nel settore Meccanico, ma anche nel settore Gestionale.
La laurea in ingegneria meccanica prepara professionisti che si possono proficuamente inserire nel mondo del lavoro nel settore industriale meccanico; inoltre essa fornisce i metodi e gli strumenti di base necessari per accrescere e aggiornare nel tempo le proprie conoscenze, adeguandole alla costante evoluzione scientifica e tecnologica.
In particolare, il corso di laurea è orientato sia verso gli aspetti della progettazione (di processo e di prodotto) sia verso gli aspetti produttivi, tecnologici ed organizzativi delle industrie manifatturiere meccaniche.
I Laureati saranno in grado di svolgere tutte quelle mansioni a carattere tecnico ed organizzativo che sono richieste nella filiera produttiva meccanica, dagli uffici tecnici agli stabilimenti di produzione, dalla manutenzione e gestione degli impianti agli uffici acquisti ed ai settori tecnico commerciali.
Il Corso di laurea è inoltre strutturato per conferire agli studenti una adeguata base culturale per la prosecuzione degli studi di ingegneria nei corsi Magistrali, principalmente nel settore Meccanico, ma anche nel settore Gestionale.

 

Profilo professionale e sbocchi occupazionali



 

Ingegnere meccanico

Funzione in un contesto di lavoro: * Collaborazione alle attività di progettazione, installazione, stima e collaudo di macchine e impianti meccanici * Rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti meccanici; * Manutenzione e gestione di reparti produttivi, nonché svolgimento di attività di controllo, verifica ed assistenza tecnica * Uso di metodologie standardizzate per la progettazione, la direzione lavori ed il collaudo di singoli organi o di singoli componenti di macchine, di impianti e di sistemi energetici, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva.

 

Competenze associate alla funzione: Le competenze proprie dell'ingegneria meccanica sono incentrate sulla progettazione meccanica, l'analisi del comportamento dinamico di macchine e meccanismi, le tecnologie di produzione e le macchine energetiche, e si integrano alle discipline che caratterizzano l'ingegneria industriale come la meccanica dei solidi e dei fluidi, la scienza dei materiali e la termodinamica applicata. Ciò mette gli ingegneri meccanici in grado di affrontare la progettazione esecutiva di prodotto e di processo, lo sviluppo di prodotti, l'installazione e il collaudo di macchine e di sistemi, la manutenzione e la gestione di reparti produttivi, nonché lo svolgimento di attività di controllo, verifica ed assistenza tecnica.

 

Sbocchi occupazionali: * industrie che progettano, effettuano manutenzione e producono componenti e sistemi meccanici ed elettromeccanici; * industrie di trasformazione e manifatturiere che si avvalgono di sistemi di produzione meccanici, metallurgici ed elettromeccanici; * aziende ed enti per la conversione dell'energia; * imprese impiantistiche; * imprese che si occupano del movimento dei materiali e delle persone; * società di servizio e di consulenza industriale; * enti pubblici con funzioni di tipo tecnico. * libera professione (necessaria l'iscrizione all'ordine degli ingegneri, sezione B, previo superamento di un esame di abilitazione) * prosecuzione degli studi in Lauree Magistrali del settore industriale

Ingegnere energetico

Funzione in un contesto di lavoro: * Collaborazione alle attività di progettazione, consulenza, direzione lavori, stima e collaudo di macchine e impianti energetici * Rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti energetici; * Uso di metodologie standardizzate per la progettazione, la direzione lavori ed il collaudo di singoli organi o di singoli componenti di macchine, di impianti e di sistemi energetici, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva.

 

Competenze associate alla funzione: Le competenze proprie dell'ingegneria energetica sono incentrate sulla termodinamica applicata, la trasmissione del calore e le macchine a fluido, e si integrano alle discipline che caratterizzano l'ingegneria industriale come la meccanica dei solidi e dei fluidi, le tecnologie di produzione, la scienza dei materiali. Ciò mette gli ingegneri energetici in grado di affrontare tematiche specifiche alla conversione termodinamica delle varie forme di energia, agli effetti ambientali connessi alla produzione energetica, agli usi finali dell'energia, alla climatizzazione e al benessere negli ambienti.

 

Sbocchi occupazionali: * aziende di servizi municipalizzate per la gestione dell'energia; * enti pubblici e privati operanti nel settore dell'approvvigionamento dell'energia; * aziende che producono e commercializzano macchine e impianti energetici; * studi di progettazione, di installazione e di collaudo degli impianti per la produzione, il trasporto e gli usi finali dell'energia (per esempio: impianti termotecnici e di refrigerazione). * aziende ed enti civili e industriali in cui è richiesta la figura del responsabile dell'energia (energy manager) * libera professione (necessaria l'iscrizione all'ordine degli ingegneri, sezione B, previo superamento di un esame di abilitazione) * prosecuzione degli studi in Lauree Magistrali del settore industriale

Ingegnere industriale e gestionale

Funzione in un contesto di lavoro: * Collaborazione alle attività di pianificazione della tecnologia e dei mezzi di produzione, alla gestione dei sistemi produttivo-logistici, e degli impianti manifatturieri e di processo * Collaborazione alla progettazione e manutenzione di impianti industriali, compreso il dimensionamento dei servizi tecnici, ed alla definizione del layout e della logistica interna degli stabilimenti e dei reparti produttivi di media complessità * Collaborazione alla conduzione e alla gestione di sistemi per la produzione e la conversione dell'energia * Rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti; * Uso di metodologie standardizzate per la progettazione, la direzione lavori ed il collaudo di singoli organi o di singoli componenti di macchine, di impianti e di sistemi, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva.

 

Competenze associate alla funzione: * progettazione del layout di massima di uno stabilimento industriale, scelta della tipologia dei magazzini e dei mezzi di movimentazione dei semilavorati; * dimensionamento di massima degli impianti tecnici e di distribuzione presenti in uno stabilimento. * definizione e gestione della logistica interna di stabilimenti industriali e degli impianti tecnici di uno stabilimento; * gestione dei programmi di manutenzione degli impianti e dei mezzi di produzione; * Collaborazione alla conduzione e alla gestione di sistemi per il controllo della qualità * valutazione delle prestazioni energetiche, economiche e ambientali di sistemi meccanici e macchine energetiche.

 

Sbocchi occupazionali: * reparti di gestione e logistica interna in imprese industriali ed imprese di servizi * reparti tecnico-commerciali in Aziende Industriali. * società di consulenza, banche e assicurazioni, Authority ed enti pubblici con funzioni di tipo tecnico. * libera professione (necessaria l'iscrizione all'ordine degli ingegneri, sezione B, previo superamento di un esame di abilitazione) * prosecuzione degli studi in Lauree Magistrali del settore industriale

 
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 27-09-2017

Seguici sui Social Network
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Università Politecnica delle Marche P.zza Roma 22, 60121 Ancona - tel (+39) 071.220.1 - fax (+39) 071.220.3023 - e-mail info@univpm.it - P.I. 00382520427

Sito a cura del Centro Servizi Informatici