TIROCINI

In questa pagina è possibile trovare informazioni relative al TIROCINIO CURRICULARE, cioè il tirocinio previsto dal proprio corso di studio, che deve essere svolto per conseguire la laurea.

 

Sono inoltre presenti indicazioni per il riconoscimento dei tirocini svolti all’estero nell’ambito di programmi ufficiali (Erasmus, Campusworld) e per il riconoscimento di attività lavorative sostitutive del tirocinio, qualora congruenti con il proprio corso di studio.

 

Nota bene:

- per informazioni riguardanti i tirocini all’estero, bandi, scadenze, procedure --> consultare le pagine web dell’Ufficio Mobilità Internazionale

- per informazioni relative ai tirocini post-laurea --> rivolgersi alla Presidenza della Facoltà di Ingegneria o all’Ufficio Job Placement.

 
+ - TIROCINI CURRICULARI

Requisiti per iniziare il tirocinio curriculare

- laurea triennale: iscrizione al 3° anno e almeno 120 cfu conseguiti

- laurea magistrale: iscrizione al 2° anno

- laurea magistrale in Ingegneria Edile-Architettura: iscrizione al 5° anno

 

Sede di svolgimento

Il tirocinio curriculare può essere svolto all’interno dell’Univpm o presso un soggetto esterno – un’azienda o un ente privato o pubblico – purché convenzionato con il nostro Ateneo. 

Se l'azienda di proprio interesse non fosse convenzionata, contattare: tirocini.ingegneria@univpm.it

  

Durata del tirocinio

La durata in ore è commisurata e limitata al numero di cfu da acquisire, stabilito dai rispettivi regolamenti dei Corsi di studio. La permanenza nella sede del tirocinio può prevedere lo svolgimento del solo tirocinio o includere anche la preparazione dell'elaborato finale; in questo secondo caso, per determinare la durata si sommano i cfu previsti per il tirocinio + quelli per la prova finale.

1 CFU corrisponde a 25 ore di attività.

Nel definire il periodo di tirocinio (data di inizio e fine) occorre prestare particolare attenzione alle scadenze previste dagli scadenzari di laurea: per potersi laureare è necessario aver terminato tutti gli esami – compreso quindi quello di tirocinio – entro la data indicata nel rispettivo scadenzario.

 

Procedura per attivare il tirocinio

1^ fase online

  • registrarsi al sito: https://tirocini.ing.univpm.it    NB! indicare come indirizzo e-mail quello di ateneo, per evitare problemi di ricezione
  • selezionare il tirocinio di proprio interesse dalla lista di quelli offerti per il proprio corso;
  • attendere il ricevimento di due email: la prima di “adesione” al tirocinio, la seconda di “assegnazione” definitiva; solo a questo punto, come indicato nella email, occorre recarsi in Segreteria Studenti

2^ fase presso la Segreteria Studenti

  • allo sportello, ritirare i moduli di tirocinio, ovvero: il progetto di tirocinio in duplice copia e la domanda di ammissione al tirocinio;
  • far firmare e timbrare i moduli (ad eccezione della firma del Preside, a cura della Segreteria);
  • riconsegnare tutti i moduli firmati e timbrati, almeno due settimane prima dell’inizio del tirocinio. NB! Le date di inizio e fine tirocinio devono essere indicate nel progetto formativo al momento della consegna dei moduli.
  • la Segreteria Studenti contatta lo studente solo in caso di anomalie e problemi; altrimenti, la richiesta di tirocinio si intende accolta per silenzio/assenso e lo studente inizia il tirocinio nel giorno indicato nel progetto di tirocinio.

 

Terminato il tirocinio

Al termine del tirocinio, il tutor aziendale deve compilare il modulo di valutazione tirocinio, utilizzando la procedura on-line che si attiva a partire dall'ultimo giorno di tirocinio sul sito https://tirocini.ing.univpm.it; la valutazione va quindi stampata, firmata e consegnata allo studente entro una settimana dalla fine del tirocinio.

La valutazione di tirocinio è condizione necessaria affinché lo studente possa sostenere l’esame di tirocinio e andrà consegnata alla Segreteria Studenti in fase di laurea, come indicato nello scadenzario di laurea.

 

 

L’esame di tirocinio va sostenuto con il Tutor Accademico e verbalizzato come tutti gli altri esami.

NB! Prestare particolare attenzione alle scadenze previste dagli scadenzari di laurea: per potersi laureare è necessario aver terminato tutti gli esami – compreso quindi quello di tirocinio – entro la data indicata nel rispettivo scadenzario.

+ - TIROCINI SVOLTI ALL'ESTERO

I tirocini svolti all’estero nell’ambito di programmi ufficiali (Erasmus, Campusworld) valgono come tirocini curriculari e sono riconosciuti dalla Facoltà di Ingegneria. Per ottenerne la convalida è necessario che:

  • il tirocinio sia stato inserito nel Learning Agreement concordato prima della partenza
  • sia stato correttamente svolto e quindi figuri nel Transcript of Records (TOR) o in analoga documentazione finale
  • al rientro in Italia occorre effettuare la convalida con il Prof. David Scaradozzi, Delegato di Facoltà per i progetti internazionali.
+ - RICONOSCIMENTO ATTIVITA' LAVORATIVA SOSTITUTIVA DEL TIROCINIO

È possibile chiedere il riconoscimento di un'attività lavorativa in sostituzione del tirocinio curriculare, purché tale attività sia stata svolta per un periodo congruo alla durata del tirocinio previsto dal proprio corso di studio e sia pertinente.

Per il riconoscimento occorre presentare la seguente documentazione:

  • modulo "Riconoscimento attività lavorativa" --> scaricabile dalla pagina " Modulistica "
  • dichiarazione del datore di lavoro (o autodichiarazione in caso di lavoro autonomo o presso enti pubblici) timbrata e firmata, con indicazione del tipo di lavoro svolto, del tipo di contratto e durata. È importante che nella dichiarazione siano ben evidenziate le mansioni svolte e/o i progetti seguiti.

La documentazione va consegnata in Segreteria Studenti oppure inviata, insieme ad una copia di un documento d'identità, per posta o e-mail (indirizzo: Univ. Polit. delle Marche - Segr. Stud. Ingegneria, Via Brecce Bianche 12, 60131 Ancona; e-mail: segreteria.ingegneria@univpm.it).

 

Le richieste di riconoscimento attività lavorativa vengono valutate dal Consiglio di Corso di Studio, che ha il compito di esprimersi sull’approvazione o meno della richiesta. Dato che questo iter richiede del tempo, occorre presentare con un congruo anticipo tali richieste, al fine di poter rispettare le scadenze previste per la laurea.

 

ATTENZIONE: il riconoscimento dell’attività lavorativa esonera dalla frequenza del tirocinio, ma si deve comunque sostenere l’esame di tirocinio con il tutor accademico nominato dal Consiglio di Corso di Studio.