Corso di laurea magistrale in Ingegneria Gestionale

 

Sede: Fermo - via Brunforte 47
Accesso: libero
Ordinamento: D.M. 270/04
Tipologia: Corso di Laurea Magistrale (2 anni)

 

Il Corso di Studio in breve


 

Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale dell'Università Politecnica delle Marche forma una figura professionale in grado di progettare e controllare sistemi e processi economico-produttivi complessi, attraverso soluzioni innovative, nei campi dell'industria e dell'erogazione di servizi nei più svariati settori. A tal fine, sono richieste adeguate conoscenze di livello avanzato, oltre che nelle materie di base, nelle principali tematiche dell'Ingegneria Gestionale. Ne consegue che l'Ingegnere Gestionale acquisirà competenze approfondite nei seguenti ambiti: i) tecnologie di trasformazione nell'industria e aspetti economici e organizzativi legati a esse, ii) tecnologie dell'informazione e della comunicazione abilitanti i processi aziendali, iii) struttura e funzionamento dei sistemi di produzione e di quelli logistici, iv) modellizzazione e progettazione dei processi (produttivi, logistici, amministrativi e tecnico-commerciali) e v) gestione aziendale. La peculiarità di questa figura professionale è rappresentata dalla capacità di coniugare competenze tecnologiche e gestionali, aspetto che consente di affrontare problemi complessi di tipo interdisciplinare.
Il corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale rappresenta, per i laureati in Ingegneria Gestionale, la naturale prosecuzione verso la formazione di secondo livello, con l'obiettivo di sviluppare capacità di analisi e soluzione di problemi di notevole complessità tecnologica e gestionale. Per i laureati di primo livello in altre branche dell'Ingegneria, partendo da una formazione di base in uno specifico ambito ingegneristico, il corso fornisce l'opportunità di orientare il percorso formativo verso aspetti di carattere gestionale acquisendo competenze di tipo manageriale.
La Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale offre ai laureati opportunità di carriera in molti ambiti e in un ampio spettro di organizzazioni, quali aziende industriali e di servizi, società di consulenza, banche e istituzioni finanziarie e pubblica amministrazione.

 

Profilo professionale e sbocchi occupazionali


 

Ingegneri industriali e gestionali

 

Funzione in un contesto di lavoro:

Gli ambiti professionali tipici di coloro che sono in possesso della Laurea magistrale in Ingegneria gestionale sono la progettazione e il controllo dei processi produttivi complessi nei più vari settori, dalle imprese industriali ai settori high-tech, alle imprese di servizi comprese le amministrazioni pubbliche. I laureati magistrali acquisiscono conoscenze e comprensioni approfondite dei principi dell'Ingegneria Gestionale e, in particolare, nel campo della gestione aziendale e nel campo produttivo e logistico.

 

Competenze associate alla funzione:

L'Ingegnere magistrale gestionale ha le capacità di comprendere le tecnologie e di modellizzare i sistemi insieme alla vocazione al progetto e all'innovazione, con spiccata preferenza per strumenti analitico-quantitativi di supporto. Le peculiarità di questa figura professionale sono le capacità di coniugare competenze tecnologiche e competenze gestionali, potendo in questo modo affrontare problemi complessi di natura interdisciplinare.

 

Sbocchi occupazionali: 

Il laureato magistrale in ingegneria gestionale potrà utilmente operare nel campo della progettazione e del controllo dei processi produttivi nelle imprese industriali e nei settori high-tech. In particolare i laureati magistrali in ingegneria gestionale potranno essere: - quadri e dirigenti di aziende industriali - quadri e dirigenti di aziende di servizi - quadri e dirigenti di aziende commerciali - responsabili di progetto di sistemi e processi complessi. Esercizio della libera professione tramite iscrizione all'albo degl ingegneri, previo superamento dell'esame di abilitazione all'esercizio della professione. Prosecuzione degli studi per l'ottenimemnto di Dottorato di Ricerca o Master Universitari di II livello.

 
 
 
 
Regolamento didattico del corso