Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'Automazione

 

Sede: Ancona
Accesso: libero
Ordinamento: D.M. 270/04
Tipologia: Corso di Laurea Magistrale (2 anni)

 

Il Corso di Studio in breve


 

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell'Automazione (classe LM-32 - Ingegneria Informatica) mira a formare figure professionali altamente qualificate e con spiccate capacità progettuali negli ambiti più avanzati dei sistemi di automazione e dei sistemi informatici, quali ad esempio il controllo di sistemi non lineari, meccatronici, e robotici, impianti e sistemi informatici distribuiti, gestione e analisi avanzata di dati, intelligenza artificiale, cybersecurity. Gli studenti avranno la possibilità di definire percorsi specializzanti specifici o percorsi mirati a una formazione più interdisciplinare. Le competenze tecniche sono integrate con lo studio di discipline organizzativo-gestionali, per fornire agli studenti la capacità di comprendere le strette relazioni tra le tecnologie dell'informazione e dell'automazione e l'innovazione organizzativa.
Tale formazione risponde alle esigenze culturali, professionali e lavorative della moderna "società dell'informazione", nella quale le tecnologie informatiche e dell'automazione rivestono, e rivestiranno sempre di più in futuro, un ruolo centrale per ridisegnare tutti gli aspetti legati alla vita delle persone e allo sviluppo delle attività economiche, consentendo di formare figure professionali fra le più richieste dal mercato a livello mondiale, ma anche la capacità di seguire l'evoluzione delle tecnologie, o addirittura di determinarla grazie all'inserimento in strutture e laboratori di ricerca.

 

Profilo professionale e sbocchi occupazionali


 

Ingegnere Informatico e dell'Automazione

 

Funzione in un contesto di lavoro: - progettazione, dimensionamento, realizzazione e conduzione di sistemi informatici - progettazione, dimensionamento, realizzazione e conduzione di sistemi di automazione e controllo.
La sua formazione gli permette di interagire con gli specialisti di tutti i settori dell'ingegneria e dell'area economico-gestionale, e di tradurre in specifiche formali le richieste di esperti di dominio non informatici, nonché di svolgere attività di coordinamento.

 

Competenze associate alla funzione: L'ingegnere magistrale in Informatica e dell'Automazione ha competenze avanzate rispetto all'ingegnere della laurea triennale che gli consentono lo sviluppo autonomo di progetti anche complessi, In particolare: - Capacità di progettazione avanzata, pianificazione, dimensionamento, sviluppo e gestione di reti, impianti e sistemi informatici complessi; - Capacità di progettazione avanzata di sistemi automatici, di processi e di impianti per l'automazione che integrino componenti informatici, apparati di misure, trasmissione e attuazione; - Utilizzo delle metodologie di ingegneria del software per l'analisi dei requisiti, la progettazione, l'implementazione e la verifica del software; - Capacità di individuazione e risoluzione di problemi con soluzioni originali.

 

Sbocchi occupazionali: I laureati possono svolgere la loro attività in ogni ambito della moderna società tecnologica, ed in particolare nelle imprese manifatturiere o di servizi (trasporti, distribuzione e gestione del territorio, ecc.) nelle industrie di processo, nelle pubbliche amministrazioni, negli enti di formazione, nella libera professione (previo superamento dell'esame di stato ed iscrizione all'albo - sezione A), favorendo con le loro competenze quel processo di innovazione e sviluppo fondato sull’adozione di tecnologie informatiche e dell'automazione. Gli sbocchi professionali sono legati a quegli ambiti lavorativi in cui si progettano e sviluppano prodotti e sistemi informatici e di automazione, sia in ambito manifatturiero che di servizi. In particolare: - industrie di progettazione e produzione di software; - industrie di progettazione e realizzazione di reti informatiche e telematiche; - industrie di produzioni di beni e/o servizi; - impianti di produzione, trasformazione e distribuzione dell'energia ed in impianti petrolchimici e farmaceutici - industrie manifatturiere, settori della pubblica amministrazione e imprese di servizi che impiegano sistemi informativi per la gestione e l'automazione dei processi produttivi; - società di ingegneria quali quelle di consulenza o di integrazione di sistemi; - società ed enti pubblici di gestione dei servizi (telecomunicazioni, energia, trasporti, ecc.); - centri di ricerca e sviluppo in ambito pubblico e privato che operino in settori innovativi nell'ambito della ingegneria informatica.
Un ulteriore sbocco riguarda la possibilità di proseguire gli studi iscrivendosi a corsi di Dottorato o master di II livello in Università Italiane o straniere.

 
 
 
 
Regolamento didattico del corso