Procedure On Line

procedura di gestione della carriera studenti, e seleziona il servizi on line disponibili

 
  • Immatricolazione
  • Pagamento Tasse
  • Prenotazione esami
  • Bacheca Appelli .....
 
 

Corso di laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio

 

Sede: Ancona - via Brecce Bianche - ingresso 1
Accesso: libero
Ordinamento: D.M. 270/04
Tipologia: Corso di Laurea Magistrale (2 anni)



 
 

Il Corso di Studio in breve



 

Il Corso di laurea magistrale in "Scienze Agrarie e del Territorio" forma professionisti specializzati nella gestione sostenibile delle produzioni vegetali, in contesti di agricoltura biologica ed integrata. Il corso si articola in due curricula: "Produzione e protezione delle colture" e "Agricoltura sociale". Il curriculum "Produzione e protezione delle colture" forma laureati in grado di gestire le produzioni vegetali in maniera innovativa, garantendo il migliore compromesso fra aspetti qualitativi e quantitativi, al fine di garantire il reddito dell'agricoltore nel rispetto dell'ambiente e della salute del consumatore. Il laureato in "Agricoltura sociale" forma una figura innovativa in grado di interfacciarsi in quelle strutture nelle quali l'agricoltura è vista non solo ai fini produttivi ma come strumenti per l'inserimento o il reinserimento di categorie svantaggiate (dipendenze, agrinido, agriospizi). Il corso presenta un primo anno con insegnamenti per lo più comuni, che svilupperanno tematiche relative all'agronomia di territorio, ai sistemi colturali erbacei, all'economia e alla politica agraria, alla chimica e biochimica dei fitofarmaci, alla tutela della biodiversità e del paesaggio, al Miglioramento genetico ed ingegneria genetica, nonché al Vivaismo e biotecnologie in arboricoltura. Sulla base delle nozioni acquisite dagli insegnamenti comuni, lo studente potrà nel secondo anno approfondire e qualificarsi su diversi ambiti formativi specifici e sviluppare competenze tecniche sulle principali tematiche. Pertanto, nel secondo anno i due curricula si caratterizzano per percorsi specializzanti verso la produzione e protezione delle colture (Viticoltura, Olivicoltura, Lotta biologica ed integrata, Difesa dalle fitopatie) oppure verso l'agricoltura sociale (Ortoflorofrutticoltura sociale, Benessere e sviluppo in agricoltura sociale, Disagio psichico e prospettive di integrazione sociale e Zootecnia sociale). Il laureato da entrambi curricula si pone al centro del sistema agricolo come protagonista dell'innovazione nel rispetto della tradizione ed è in grado di interfacciarsi con strutture pubbliche e private per contribuire direttamente o indirettamente ad uno sviluppo sociale sostenibile.

 

Profilo professionale e sbocchi occupazionali



 

Funzione in un contesto di lavoro: - dirige enti pubblici e imprese private nel settore agrario e, in qualità di libero professionista/consulente, si occupa di tutti gli aspetti tecnici ed economici relativi al settore agricolo - dirige organismi finalizzati al controllo degli aspetti qualitativi dei prodotti agricoli - dirige o collabora con organismi finalizzati alla gestione del patrimonio naturale (Parchi e riserve naturali). - dirige servizi del settore pubblico finalizzati alla gestione del territorio e delle risorse naturali (Regione, Comunità Montane). - in veste di Ispettore del Servizio Fitosanitario Nazionale, verifica l'applicazione sul territorio delle direttive fitosanitarie, effettua controlli fitosanitari e di vigilanza, compie indagini sistematiche e periodiche - svolge attività di consulenza in enti nazionali o internazionali per programmi di aiuti a paesi in via di sviluppo - effettua attività di ricerca presso Enti pubblici (Università, CRA, CNR, ENEA etc.) ed imprese private - in veste di funzionario presso istituti di credito e/o assicurazioni, si occupa delle attività bancarie e assicurative per il settore agrario - i laureati possono prevedere come occupazione l'insegnamento nella scuola, una volta completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superati i concorsi previsti dalla normativa vigente Il corso consente di conseguire l'abilitazione alla professione di: dottore agronomo e dottore forestale

 

Competenze associate alla funzione: I laureati magistrali in Scienze Agrarie e del Territorio potranno svolgere i seguenti ruoli professionali e relative funzioni nei seguenti ambiti occupazionali: - Esperto dei processi produttivi legati al rispetto delle misure ambientali e della sostenibilità dei sistemi agricoli. - Esperto della progettazione e realizzazione di parchi e giardini ed anche di sistemi di produzione e recupero energetico. - Esperto nella gestione delle aree protette, della tutela e gestione della biodiversità e del paesaggio. - Esperto con specifiche competenze sulle produzioni vegetali agrarie e sulla loro difesa in campo e post-raccolta. - Esperto del controllo fitisanitario delle produzioni vivaistiche e sementiere.

 

Sbocchi occupazionali: Il Corso di Laurea Magistrale in Scienze agrarie e del territorio offre la possibilità di accedere ai seguenti sbocchi occupazionali in qualità di consulente/ libero professionista o dipendente di: - Enti pubblici (Ministeri, Assessorati regionali e provinciali, Associazione professionali di categoria, Servizio fitosanitario regionale) - Aziende private che operano nei settori della costruzione di macchine agricole, industria agrochimica e della bioenergia - Associazione produttori - Laboratori che svolgono servizi di analisi fisiche, chimiche e biologiche - Organismi nazionali e internazionali governativi e non governativi che operano nel settore agricolo per programmi di aiuti a paesi in via di transizione e di sviluppo (FAO; WORLD BANK, ecc.)

 
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 27-09-2017

Seguici sui Social Network
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Università Politecnica delle Marche P.zza Roma 22, 60121 Ancona - tel (+39) 071.220.1 - fax (+39) 071.220.3023 - e-mail info@univpm.it - P.I. 00382520427

Sito a cura del Centro Servizi Informatici